Gran bollito e “bevr’in vin”

Casa sull'Adda Morta

I colori del giardino

Il mio amico Mario me lo ripete ogni volta.
Il lesso va fatto mettendo la carne nell’acqua fredda. Con questa modalità il brodo viene più saporito perché la carne rilascia nell’acqua la sua sostanza, e la carne rimane più legnosa. Si può usare per fare polpette.
Per il bollito bisogna mettere la carne nell’acqua brodo in ebollizione, fatto con cipolle, sedano, carote e un osso bovino, perché il calore chiude i pori della carne che trattiene il sapore ed è poi anche più tenera, mentre il brodo è più leggero anche se po’ meno saporito.

***

Con questi vecchi amici del liceo ci siamo dati appuntamento per una cena secondo tradizione padana, quella “aperta” e popolare non quella ottusa e chiusa in se stessa che certi politici hanno diffuso in questi anni, in questa bella casa della campagna lodigiana nei pressi dell’Adda morta di Camairago.
La giornata era bellissima come la campagna invernale con i suoi colori e odori così diversi da quelli consueti della città.
L’appuntamento era alle 4 del pomeriggio perché la cottura richiedeva parecchie ore.
Il menù prevedeva bollito, due o tre pezzi, lingua, cotechino, testina, verdure bollite, una torta ai porri, salsa verde, mostarda e salse varie, vino e dolce.
C’è stata indecisione se fare o meno un risotto ma poi abbiamo optato per un aperitivo secondo la tradizione mantovana del “bevr’in vin” cioè una tazza di brodo caldo mischiato con mezzo bicchiere di vino rosso.
In definitiva tutto quanto occorreva per una cena contadina.

La preparazione e la cena ci han dato l’opportunità di passare qualche ora insieme e ritrovarci come si riesce a fare tra vecchi amici, e poi all’ora prevista parlando di Traviata che abbiamo ascoltato in diretta dalla Scala perché l’opera è una delle passioni che condividiamo.
Io, che sono di consumi ristretti, come al solito ho mangiato pochissimo e ho solo assaggiato del vino perché poi avrei dovuto guidare.

Stare insieme attorno a una tavola è stato proprio bello!

IMG_6159_2

Annunci

16 Responses to Gran bollito e “bevr’in vin”

  1. tramedipensieri ha detto:

    Che bellezza!
    …e che bontà!

  2. crisalide77 ha detto:

    mai provato il bollito, ma ne ho sentito parlare tanto in positivo e adesso mi hai fatto venire davvero voglia di provarlo!

  3. Maurizio Vagnozzi ha detto:

    son costretto qui a una alimentazione a base di ravioli al vapore, noodles e sashimi: la tua è crudeltà mentale nel farmi vedere quella tavola imbandita ….

  4. Safranina ha detto:

    che belli gli appuntamenti conviviali nelle fredde giornate invernali..

  5. Alessandra ha detto:

    ehm..con una tavola così..ci sarebbe un posticino anche per me?…
    Non conoscevo la differenza fra bollito e lesso..per me è tutto cotto in acqua e stop!!
    Belli i mici a lato!! :))

  6. Trutzy ha detto:

    Che invidia, ma mi posso intrufolare fingendo di essere una vecchia amica di cui non vi ricordate perché non mi vedete da anni?

  7. mi hai fatto venir fame…mannaggia è l’una passata…ma dopo tutta sta roba buona dormirò ??? ah ah ah..Ottimo Post!!!
    Buon Mercoledì un sorriso

    rosy

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: