The times they are a-changin’

Come gather ‘round people
Wherever you roam
And admit that the waters
Around you have grown
And accept it that soon
You’ll be drenched to the bone.
If your time to you
Is worth savin’
Then you better start swimmin’
Or you’ll sink like a stone
For the times they are a-changin’.

Venite intorno gente
dovunque voi vagate
ed ammettete che le acque
attorno a voi stanno crescendo
ed accettate che presto
sarete inzuppati fino all’osso.
E se il tempo per voi
rappresenta qualcosa
fareste meglio ad incominciare a nuotare
o affonderete come pietre
perché i tempi stanno cambiando.

La prima strofa del brano The times they are a-changin’ che da il titolo al disco. Qui il testo completo.

The_Times_They_Are_A_Changin
Nel gennaio del 1964, esattamente 50 anni fa, usciva il terzo lp (long playng) di Bob Dylan. The times they are a-changin’, questo il titolo, è composto da 10 brani scritti da Bob Dylan e suonati solo con chitarra e armonica a bocca.

Di seguito la sequenza dei brani
Lato A
The Times They Are a-Changin’ – 3:15
Ballad of Hollis Brown – 5:06
With God on Our Side – 7:08
One Too Many Mornings – 2:41
North Country Blues – 4:35

Lato B
Only a Pawn in Their Game – 3:33
Boots of Spanish Leather – 4:40
When the Ship Comes In – 3:18
The Lonesome Death of Hattie Carroll – 5:48
Restless Farewell – 5:32

Il disco che viene pubblicato poco dopo l’assassinio del presidente J. F. Kennedy, viene considerato come un manifesto della canzone politica e di protesta contro la società del tempo.

Se invece che ascoltare politici milionari e/o comici, leggere giornalisti e scrittori compassati e adagiati, vedere i comportamenti di distratti genitori, sentiremo che certe parole verranno fatte proprie dai giovani, allora sarà il momento in cui si potrà ritornare ad avere speranza.

Annunci

12 Responses to The times they are a-changin’

  1. Letizia Cortini ha detto:

    D’accordissimo! Grazie Giuseppe. Ho twittato il brano e un altro tweet è di ringraziamento a te :). Ciao!

  2. giovanotta ha detto:

    1964, ante ’68.. si i tempi sono cambiati e temo anche i giovani, ma magari sbaglio..

  3. adimer passing ha detto:

    In effetti i tempi stanno cambiando…
    Per quello cammino rasente ai muri cercando di non dare nell’occhio…
    Lo facevo anche nel medio evo. E nell’antica Roma.
    A Sparta no perché mi hanno buttato subito dalla rupe tarpea…
    Ciao SoG!
    Lo stratificato A.

  4. adimer passing ha detto:

    P.S. Come sta Pepsy?
    Ciao.
    A.

  5. lamia82 ha detto:

    Bella, grazie per averla postata….. 🙂

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: