Musica e parole

E ti diranno parole rosse come il sangue,
nere come la notte;
ma non è vero, ragazzo,
che la ragione sta sempre col più forte
io conosco poeti
che spostano i fiumi con il pensiero,
e naviganti infiniti
che sanno parlare con il cielo.
Chiudi gli occhi, ragazzo,
e credi solo a quel che vedi dentro
stringi i pugni, ragazzo,
non lasciargliela vinta neanche un momento
copri l’amore, ragazzo,
ma non nasconderlo sotto il mantello
a volte passa qualcuno,
a volte c’è qualcuno che deve vederlo.

IMG_9070
Qualche sera fa siamo andati a vedere uno spettacolo di musica e parole che Roberto Vecchioni ha tenuto al teatro Carcano di Milano in occasione della rassegna MITO 2014.

Anche Vecchioni, come altri cantautori, mi ha accompagnato lungo molti anni.
La sua poetica è strettamente legata alle sue esperienze, che è come dire alle esperienze di tutti; il suo stile è spesso ermetico e a volte un incentivo aiuta a penetrarne il significato.
Per questo mi piace ascoltare i racconti di Vecchioni e sentire la storia e i motivi che si nascondono dietro la sua ispirazione; e questo vale per ogni ispirazione che si cela nelle creazioni artistiche e per racconti che ne fanno i relativi autori.
E anche se le opere vivono di vita propria conoscere i “retroscena”, ciò che sta “dietro” completa la mia comprensione e la mia soddisfazione.

Lo spettacolo è stato un conversare di Vecchioni stimolato dal giornalista Gabriele Ferraris e dalla voce recitante di Bruno Maria Ferraro attorno ai temi cari al cantante, che sono sullo sfondo delle sue canzoni.
L’amore, la sofferenza, l’umanesimo, la sua grande attenzione per i giovani, da buon insegnante, sono i temi che ha affrontato e che io amo in Vecchioni.

Il parlare è stato lo spunto per cantare poche canzoni accompagnato alla chitarra dal valente Massimo Germini.

Sogna, ragazzo sogna,
quando lei si volta,
quando lei non torna,
quando il solo passo
che fermava il cuore
non lo senti più
sogna, ragazzo, sogna,
passeranno i giorni,
passerrà l’amore,
passeran le notti,
finirà il dolore,
sarai sempre tu…

IMG_9067

Sogna, ragazzo sogna,
piccolo ragazzo
nella mia memoria,
tante volte tanti
dentro questa storia:
non vi conto più;
sogna, ragazzo, sogna,
ti ho lasciato un foglio
sulla scrivania,
manca solo un verso
a quella poesia,
puoi finirla tu.

In corsivo versi dalla canzone Sogna ragazzo sogna di Roberto Vecchioni

Uno spettacolo che ho goduto completamente.

Annunci

4 Responses to Musica e parole

  1. tramedipensieri ha detto:

    Ho avuto modo di vederlo e ascoltarlo cantare lo scorso anno nella mia città. Mi è piaciuto molto…
    Ascoltarlo dal vivo é davvero coinvolgente…

  2. roceresale ha detto:

    Che spesso, mentre canta e mentre parla, si commuove.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: