Un’altra notte di vento

È un’altra notte di vento
e siamo qui a guardare
il cielo senza le stelle
che si confonde sul mare
e dentro gli occhi storie e ricordi
e quanta nostalgia
per quelli che hanno deciso di andare via.

E il mare racconta di un marinaio
che volle partire
contro un destino segnato
di reti da ritirare
e prese a inseguire i tramonti ma il sole
non si fermava mai
e pianse il freddo e la notte e forse anche lei.

E ora che quel marinaio dal vento
non può più tornare
resto a guardare il silenzio
e le luci lontane sul mare
e navi e navi guardo passare
tra i sogni e la foschia
e chissà quante perdute e in avaria.

Cigola il porto e le insegne sbiadite
sbattono al vento
e i muri stanchi danno alle case
il senso del tempo.
Resta la notte scritta sul mare
in buia calligrafia
e reti strappate e odore di prigionia.

Allan Slowal

Ringrazio Allan Slowal autore del blog Adimer Passing per avermi dato la possibilità di pubblicare una delle sue poesie.

Siamo amici e scambiamo spesso i nostri pensieri cercando di cogliere dove si può, nella poesia?, motivi per sollevare lo sguardo dalla realtà che ci circonda.

Annunci

2 Responses to Un’altra notte di vento

  1. Nuzk ha detto:

    il mare…. ❤

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: