Crapapelada

Crapa Pelada l’ha fà i turtei,
ghe ne dà minga ai sò fradei.
I sò fradei fann la fritada,
ghe ne dann minga a Crapa Pelada.

(Crapa Pelata fa i tortelli,
e non ne da ai suoi fratelli,
i suoi fratelli fan la frittata,
e non ne danno a Crapa Pelata).

versi popolari milanesi

Qualche giorno fa ho scoperto il video di Crapa Pelada con Lino Patruno, chitarra, banjo e trattore.
Una piacevole versione di un brano che ha molte versioni.
Ascolto sempre con piacere le canzoni in milanese perché sono affezionato al dialetto milanese che a Milano è, purtroppo, quasi scomparso.

La canzone con ritmi jazz è stata musicata negli anni ’30 da Gorni Kramer e Tata Giacobetti ed eseguita dal Quartetto Cetra. Non si capisce bene se il testo abbia un origine popolare o se sia stato composto dai due musicisti; di fatto il nome “crapa pelata” è stato letto da alcuni come un riferimento alla testa pelata di Mussolini, da altri più semplicemente alla testa pelata di Felice Chiusano che apparteneva al Quartetto Cetra.

***

Sul brano che, come detto, è degli anni ’30 ho trovato la seguente analisi del critico Luca Cerchiari:
“Come si vede, il jazz fa da ispiratore, contenitore e sfondo a un testo di impronta comico-cabarettistica, e al tempo stesso amplia, riprendendoli, i versi di una canzone dialettale lombarda, appunto “Crapa pelada”. La sovrapposizione a elementi popolari di un testo di gusto surreale, lombardo-francese, la moderna interpretazione vocale ritmico-onomatopeica, di tipo jazzistico, fuse in un unicum quasi futurista,
frenetico, divertente, sono gli atout di questo gustoso episodio di fine ventennio, che evidenzia come il jazz italiano dell’epoca utilizzi in modo originale elementi spettacolari, teatrali…”

***

Sono affezionato a “Crapa Pelada” perché era una delle filastrocche che mi recitava il mio papà, non come canzone ma appunto come filastrocca.
Il mio papà che parlava il milanese nonostante avesse genitori pugliesi.

È qualche hanno ormai che il papà ci ha lasciati ma mi sorprende quanti piccoli e occasionali particolari quotidiani facciano rivivere in me il suo ricordo.
E non mi so spiegare quel senso di dolce malinconia che ogni volta mi pervade.

Come quando ascolto:
Crapa Pelada l’ha fà i turtei…….

Annunci

6 Responses to Crapapelada

  1. Maurizio Vagnozzi ha detto:

    grandioso, poi la base ritmica del trattore è fantastica!

  2. RosaVelata ha detto:

    Gorni Kramer era di Mantova dove i tortelli (di zucca) sono il piatto tipico della vigilia di natale
    🙂

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: